Comunicato stampa di Rifondazione comunista sui lavori a Comboé

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Rifondazione comunista/Federazione della Sinistra Valle d’Aosta sui lavori a Comboé, che ci sembra centri il punto della questione, soprattutto nel porre l’eterna domanda, cui vorremmo l’amministrazione rispondesse finalmente con chiarezza: l’intervento non doveva finire con la realizzazione della strada? «qual è il futuro che ha in mente per Comboé»?

Le dichiarazioni, citate dal comunicato, del sindaco di Charvensod, Ennio Subet, sono invece leggibili QUI.

COMUNICATO STAMPA

Aosta, 6 novembre 2011

Il Partito della Rifondazione comunista/Federazione della Sinistra Valle d’Aosta esprime la propria preoccupazione circa i lavori di “miglioramento fondiario” attualmente in corso nel vallone di Comboé e denunciati da Legambiente. Le caratteristiche dell’area, classificata come Zona a Protezione Speciale per il suo valore naturalistico, e la particolare storia della trattorabile che la raggiunge, lungamente osteggiata da parte della popolazione in base a considerazioni non facilmente ignorabili, se è vero che inizialmente il Tribunale Amministrativo Regionale aveva dato ragione agli ambientalisti, richiedono di osservare particolare cautela in ogni intervento suscettibile di modificare la fisionomia del vallone. Sarebbe inoltre auspicabile una maggior trasparenza da parte dell’amministrazione comunale di Charvensod circa le proprie intenzioni, perché le dichiarazioni rilasciate a Gazzetta Matin dal sindaco Subet (non ci sarà l’impianto a pioggia) non bastano a rassicurare circa la conservazione delle specificità ambientali (preservazione della zona umida e della vegetazione autoctona). Rifondazione comunista/Federazione della Sinistra Valle d’Aosta invita dunque tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale ad attivarsi per appurare, mediante interrogazione, se sono state rispettate le condizioni previste dalla Valutazione di Impatto Ambientale nel concedere l’autorizzazione per la costruzione della strada, con particolare riferimento agli ultimi interventi di “miglioramento fondiario”. Chiede inoltre all’amministrazione comunale di Charvensod di precisare la reale entità di un progetto che si pensava portato a termine con la realizzazione della trattorabile, spiegando così, una volta per tutte, qual è il futuro che ha in mente per Comboé.

Per il PRC/FdS VdA

Francesco Lucat

>>> Le foto del Vallone devastato e il comunicato di Legambiente.

This entry was posted in Generale and tagged , . Bookmark the permalink.